Articoli

RITORNA MADREMARE: LA MOSTRA INTERNAZIONALE DI LIBRI D’ARTISTA, DAL 2 MAGGIO A GIUGGIANELLO.

madremare

Presìdio del Libro - Archivio del Libro d’Artista Verbamanent e Associazione “La vedetta sul Mediterraneo” presentano

MADREMARE Bellezza Profondità Libertà Speranza di vita

Mostra internazionale di Libri d’artista

a cura di Maddalena Castegnaro &Enrico Rapinese del Presidio del Libro - Archivio del Libro d’Artista VerbaManent di Sannicola (Le)

OTTAVA TAPPA A GIUGGIANELLO - PARROCCHIA di SANT’ANTONIO ABATE

dell’iniziativa promossa dalla REGIONE PUGLIA - Assessorato all'Industria Turistica e Culturale, in collaborazione con l’Associazione «Presìdi del Libro» con il patrocinio e contributo di: Regione Puglia - Museo di Biologia Marina “P.Parenzan” di Porto Cesareo - Università del Salento, Lecce - Università “Aldo Moro”, Bari - Accademia Belle Arti, Bari – Ass. Sea Inside Salento in Apnea asd - Ass. Marevivo - Ass. Puglia&Mare, Gallipoli e in collaborazione con: Parrocchia Sant’Antonio Abate Giuggianello, Associazione SEA INSIDE Salento in Apnea asd e Istituto comprensivo “Tito Schipa” di Muro Leccese

Durata Mostra: 2/5 maggio 2018, h 19/21

Inaugurazione: mercoledì 2 maggio, h 19

In apertura, saluti di Don VITO MANGIA, parroco di Giuggianello

Presentazione del Progetto e guida alla Mostra a cura di MADDALENA CASTEGNARO

 

venerdì 4 maggio, h 19: Come è profondo il mare. La plastica, il mercurio, il tritolo e il pesce che mangiamo”, ed. chiare lettere, di NICOLO’ CARNIMEO, docente di Diritto della Navigazione e dei Trasporti, Università di Bari

Interviene MORENO CANOCI, Presidente Associazione SEA INSIDE Salento in Apnea asd

Presenta MADDALENA CASTEGNARO

 

A “MADREMARE” hanno aderitooltre 130 artisti italiani e stranieri che hanno racchiuso nelle loro operelibro, uniche e irriproducibili, narrazioni, miti, poesie, memorie, storie e visioni della nostra comune MadreMare, che tutto ha generato e a cui tutto fa ritorno.

Ma anche amica e sorella tradita, umiliata, offesa, malata, violata; cuore ancora vivo e pulsante anche se in lenta agonia ; mare da conquistare, da domare, da sporcare più che un infinito di onde materne in cui immergersi e sciogliersi. E oggi MadreMare, rotta di nuove disperazioni, richiamo verso fughe di libertà, accoglie le vite di chi è allontanato dai luoghi della memoria, dalla violenza, dalla povertà, costretto ad una pericolosa erranza o condannato a trovare spazio nella marginalità più assoluta.

La più grande Madre del mondo sta morendo.

E’ tempo di restituire a MadreMar  la sua bellezza, la sua profondità, i suoi segreti : a noi, intrusi passeggeri e arroganti, naviganti in un “mare” di illusioni e di colpevoli ignoranze, diventare consapevoli delle nostre responsabilità nei confronti della sua sacralità.

Gli Artisti (pittori, scultori, ceramisti, grafici, illustratori, incisori, fotografi, calligrafi, poeti visivi : artisti in toto), nella varietà delle morfologie, dei materiali - dei linguaggi - delle interpretazioni, hanno materializzato sogni, orizzonti infiniti, immersioni in fondali incontaminati, viaggi di mare - di terra - di cielo, malinconie di lontananze e di abbandoni: le verità del mare sono svelate.

Emergono anche viaggi interiori, impronte dell’anima, ricerche di un profondo sé, metafore esistenziali che si colorano della musica e dell’imprendibile sconfinata bellezza del mare.

Libri mondo, preziosi, esigenti che non consentono un incontro occasionale con i lettori ma richiedono la disponibilità ad una relazione intima, ad un ascolto di sé e dell’altro, nell’attesa silente che il senso si sveli e che si acquieti, forse, quell’ansia d’infinito che da sempre ci inquieta.

Pannelli con note informative e critiche costituiranno elementi utili di approfondimento per i visitatori-lettori

Alla visione ed all’esperienza di lettura plurisensoriale delle opere-libro si accompagna un percorso poetico tracciato dai versi inediti, ispirati al mare, dei poeti e delle poetesse : Mariagrazia Anglano, Carmen Maria Luisa Campa, Chiara Caputo, Giuseppe Cristaldi, Vittorino Curci, Matteo Greco, Pippi Greco, Jonathan Imperiale, Daniela Liviello, Antonio Lupo, Nadia Marra, Maria Grazia Palazzo, Francesco Pasca, Luciano Provenzano e LuigiScorrano.

Gallipoli, 25 aprile 2018

LA REDAZIONE

capitanerialegambientelogo mediamorfosiunpli