Articoli

Recupero relitto dalla palastra del Ponte di Gallipoli

Nella mattinata di domenica 13 aprile l’Associazione subacquea di volontariato Paolo Pinto - Protezione civile di Gallipoli ha provveduto alla rimozione del relitto di  una  barca che da anni era abbandonata e semiaffondata sotto una delle palastre del ponte seicentesco di Gallipoli. Al relitto era ancora attaccato il motore, per cui l’intervento era necessario per evitare eventuali danni futuri per l’ambiente.

I sub della “Paolo Pinto” hanno prima provveduto a tirare fuori dalla palastra la barca legandola a delle cime, poi con l’aiuto di un braccio meccanico, posto a disposizione dalla Ditta del Signor Spada Riccardo di Gallipoli, si e’ riusciti  a completare il lavoro. Dello smaltimento della barca si è occupato il Comune di Gallipoli, mentre per il motore e’ stata chiamata la Ditta ECOMETAL del Sig. Barbetta  Antonio di Melissano.

Nella stessa mattinata sono state effettuate delle prove per il recupero di un verricello appartenente verosimilmente ad un motopesca, attualmente adagiato sul fondale dello specchio d’acqua antistante il Porto del Canneto di Gallipoli ad una profondita’ di circa metri 3,5. E’ stato necessario effettuare delle pianificazioni in quanto il verricello e’ di dimensioni notevoli e risulta essere impigliato in numerosi cavi d’acciaio e vegetazione.

Le operazioni di recupero invece avverranno domenica 27 aprile 2014.

Gallipoli, 17 Aprile 2014

capitanerialegambientelogo mediamorfosiunpli