Articoli

MANFREDONIA: PESCATO E ATTREZZI DA PESCA ILLEGALI - SEQUESTRO DELLA GUARDIA COSTIERA

Continua incessantemente l’attività di Polizia Marittima nel Compartimento Marittimo di Manfredonia. I militari della Guardia Costiera, nell’ambito dell’attività di pianificazione ed esecuzione di operazioni complesse, in ambito locale e provinciale, hanno portato a termine brillantemente diverse operazioni di polizia marittima finalizzate alla repressione di comportamenti illeciti in materia di pesca e sicurezza della navigazione.

Nell’ambito dell’attività di controllo da parte della Guardia Costiera di Manfredonia, è stata contrastata altresì la cattiva pratica, ben nota a livello locale, del posizionamento delle reti da pasta prive di idonei segnalamenti ed in luoghi non consentiti. Questa mattina, infatti, militari dipendenti hanno posto sotto sequestro ben quattro reti da pasta posizionate all’imboccatura del porto turistico Marina del Gargano, potenzialmente pericolose per la sicurezza della navigazione; i militari, nell’ultimo mese, hanno già provveduto a sequestrare altre quattro reti da pasta, posizionate questa volta nei pressi del porto industriale e lungo il litorale di Manfredonia.

 Si rammenta che una rete da posta non segnalata può costituire un serio pericolo per la navigazione. Il DPR 1639/1968 sulla “Disciplina della pesca marittima”, e il DM 10 giugno 2004 recante la “Disciplina delle reti da pasta fissa” prevedono, infatti, che questi attrezzi vengano segnalati con galleggianti portanti una bandiera gialla di giorno e un fanale sempre giallo di notte, inoltre è vietato collocare reti da posta ad una distanza inferiore a 200 metri dalla congiungente i punti più foranei, naturali o artificiali, delimitanti le foci e gli altri sbocchi in mare dei fiumi o di altri corsi di acqua a bacini. L’attività di polizia finora posta in essere, finalizzata alla tutela degli stock ittici, del cittadino e della sicurezza in mare, proseguirà incessante nei prossimi giorni.

Manfredonia, 5 gennaio 2016

Capitaneria di Porto-Guardia Costiera

Manfredonia 

 

capitanerialegambientelogo mediamorfosiunpli