Articoli

LA MOTONAVE BLUE SKY M HA LASCIATO IL PORTO DI GALLIPOLI: DEMOLIZIONE A TARANTO A COSTO ZERO PER LO STATO.

Alle prime luci dell’alba il rimorchiatore “Franco P.” ha iniziato le procedure di trasferimento della Motonave BLUE SKY M verso il porto di Taranto. La nave, nota per essere stata il vettore di settecentonovantasei migranti non regolari sbarcati nel porto di Gallipoli nella notte tra il 30 ed il 31 dicembre 2014, dopo quasi un anno di sosta presso la banchina “Salvatore Fitto” del porto commerciale di Gallipoli, sta oggi effettuando la sua ultima navigazione.

La Motonave BLUE SKY M è stata oggetto di un particolare iter giuridico – amministrativo finalizzato all'individuazione della Ditta, iscritta in un particolare Albo tenuto dal Ministero dell’Economia e Finanze, ed in grado di effettuarne la demolizione nel rispetto delle vigenti normative in campo ambientale ma a costo zero per l’amministrazione dello Stato.

Tale procedura, di selezione della ditta, assolutamente innovativa, per tempistica e modalità, è stata pensata e curata in prima persona dal Signor Procuratore della Repubblica di Lecce, Dott. Cataldo Motta, e dal Coordinatore del Pool immigrazione costituito dalla Procura di Lecce Dott. Guglielmo Cataldi ed ha consentito, per la prima volta in Italia un cospicuo risparmio per l’Erario. Difatti la ditta individuata, la AL.MER. s.r.l. di Taranto, ha provveduto a propria cura e spese ad allestire l’unità in parola in modo da consentire il trasferimento in sicurezza della Motonave BLU SKY M, da Gallipoli a Taranto a rimorchio.

Peraltro, in virtù dell’atto dispositivo del Procuratore della Repubblica di Lecce, la ditta AL.MER., oltre a provvedere al rimorchio ed alla successiva demolizione dell’unità senza alcun costo per l’Amministrazione dello Sato, ha versato al Fondo Unico della Giustizia alcune migliaia di Euro, importo devoluto per le attrezzature elettroniche e degli impianti elettrici ancora funzionanti presenti  a bordo della nave. In più dalla stessa unità era stato asportato, sempre in virtù del provvedimento del Dott. Motta, senza costo alcuno tutto il carburante presente a bordo ed assegnato al Comando della Capitaneria di porto di Gallipoli per le esigenze delle motovedette assegnate al Compartimento.

Il convoglio, il cui arrivo nel Mar Grande di Taranto è previsto per la giornata odierna, verrà scortato per l’intera navigazione da una motovedetta d'altura della Capitaneria di porto di Gallipoli e monitorata in real-time dalla Sala Operativa con l’ausilio del sistema di rapportazione e monitoraggio del traffico navale in uso alla Guardia Costiera.

Gallipoli 21.12.2015

 

Capitaneria di Porto - Guardia Costiera 

Gallipoli

 

capitanerialegambientelogo mediamorfosiunpli