Articoli

NORMAN ATLANTIC: MEDAGLIA D'ORO AL MERITO DELLA MARINA MILITARE PER UN UFFICIALE SALENTINO

Ha contribuito al salvataggio di centinaia di vite umane mettendo a repentaglio la propria il tenente di vascello leccese pilota d'elicotteri Stefano Bernardini, che proprio nei giorni scorsi ha ricevuto comunicazione di essere stato insignito della medaglia d'oro al merito di marina dopo aver soccorso a bordo dell'elicottero della Marina Militare le centinaia di passeggeri rimasti nel rogo scoppiato nel Canale d'Otranto a bordo del traghetto Norman Atlantic e che attirò l'attenzione dei media di tutto il mondo. Per lo “Sportello dei Diritti”, si tratta di un riconoscimento che porta lustro non solo al militare ma a tutta la collettività salentina per un comportamento esemplare che dimostra valori ancora presenti tra i nostri concittadini che sono disposti a rischiare di sacrificare la propria esistenza gettandosi letteralmente nel fuoco per salvare altre vite umane.

Con il Decreto Ministeriale n. 196 del 3 luglio 2015, al Tenente di Vascello Stefano Antonio Bernardini, nato il 26 dicembre 1982 a San Pietro Vernotico (BR), è stata concessa la medaglia d’oro al merito di Marina con la seguente MOTIVAZIONE:

“Ufficiale copilota di elicottero, veniva chiamato a operare a seguito di una richiesta di soccorso proveniente dalla motonave italiana “Norman Atlantic”, coinvolta da un violento incendio a bordo e alla deriva nel Canale d’Otranto. In proibitive condizioni meteorologiche e marine e con un denso fumo che avvolgeva l’imbarcazione, assisteva il Capo equipaggio nella conduzione della missione di soccorso, coadiuvandolo nell’individuazione delle modalità di recupero delle persone in pericolo e nel controllo del mezzo durante l’esecuzione delle operazioni di salvataggio e contribuendo fattivamente al felice esito dell’evento. Dimostrando non comune perizia professionale, eccellenti doti umane ed encomiabile dedizione al servizio, dava lustro all’Aviazione Navale, alla Marina Militare e al Paese.

Canale d’Otranto, 28 dicembre 2014”.

 

Lecce, 22 novembre 2015    

 

Giovanni D'Agata

Presidente Sportello dei Diritti           

                                                                                                                                                                

          

capitanerialegambientelogo mediamorfosiunpli