Articoli

DAL NORDEUROPA ALLA PUGLIA: VIAGGIO NEL CUORE DEI GAL DEL SUD EST BARESE, COLLINE JONICHE E SERRE SALENTINE

Dal Nord Europa alle terre di Puglia per scoprire profumi, sapori e ricchezze di un territorio dalle mille sfaccettature.

Un percorso emozionale, che rientra nell’Azione Comune, della cui attuazione è responsabile il GAL Serre Salentine, che coinvolge sedici GAL pugliesi, nell’ambito del Progetto di Cooperazione Transnazionale “Leadermed” sui prodotti della Dieta Mediterranea e il loro impatto sui mercati esteri, da oggi e fino a venerdì prossimo.

I buyers, importatori di vini e prodotti di gastronomia e giornalisti, provenienti da Lettonia, Lituania, Finlandia, Svezia e Regno Unito saranno assistiti dall’Azienda Speciale SRI della Camera di Commercio di Lecce per accoglienza, supporto alle imprese, organizzazione logistica e organizzazione del seminario sulla Dieta Mediterranea, previsto per il 13 novembre, alle ore 16, presso Palazzo D’Ippolito a Racale.

Le imprese che i buyers visiteranno, appartenenti ai settori vitivinicolo, olivicolo, gourmet e dell’industria conserviera ittica, sono state scelte dal GAL Serre Salentine per Lecce e provincia, GAL Sud Est Barese per il territorio sud barese e dal GAL Colline Joniche per il territorio di Taranto.

Il tour ha avuto inizio il 10 novembre dal sud est barese e andrà avanti fino a venerdì 13 novembre.

Ricco anche il programma delle giornate dell’11 e del 12 novembre, con tappe a Faggiano (Ta), Grottaglie (Ta), Tuglie (Le), Parabita (Le), Casarano (Le), Melissano (Le), Gallipoli (Le), Alliste (Le), Galatone (Le), Racale (Le).

“Una grande occasione per il territorio delle Serre Salentine e per le sue aziende” afferma il Presidente del GAL Serre Salentine, Francesco Pacella. “La presenza di buyers stranieri – continua – nell’ambito del Progetto di Cooperazione Leadermed, permette la promozione a largo raggio del paniere dei prodotti tipici che sono espressione del nostro territorio e che, quindi, rappresentano un forte fattore identitario e culturale delle Serre Salentine. La cucina tipica, unita al paesaggio e al patrimonio naturalistico, storico e architettonico, può consolidarsi ancora di più attraverso queste occasioni di promozione, diventando, così, un’attrattiva per migliaia di turisti e incentivando maggiormente un turismo enogastronomico. Non solo, promozione turistica. Infatti, questa occasione di conoscenza e di promozione permette alle aziende del territorio delle Serre Salentine di aprirsi a mercati sempre più vasti, internazionalizzandosi e per instaurare legami economici con nuovi Paesi. All’intensificazione delle attività di internazionalizzazione corrisponde, infatti, un maggiore interscambio e una maggiore crescita economica complessiva. In questo modo – conclude il Presidente del GAL Serre Salentine, Francesco Pacella -aumenta la propensione all’export dei prodotti delle Serre Salentine e l’interesse ad espandere la propria attività in altri Paesi con la creazione di nuove occasioni di sviluppo economico”.

13 novembre 1015

Gianpiero Pisanello

Uff. Stampa Gal Serre Salentine

                                                                                                   

 

capitanerialegambientelogo mediamorfosiunpli