Articoli

ITALIA NOSTRA SUD SALENTO: SOSTEGNO AI REFERENDUM SULLE TRIVELLAZIONI A MARE

Il Consiglio Direttivo della Sezione Sud Salento, riunitosi lo scorso 5 settembre a Corigliano d’Otranto, ha deliberato di aderire all’iniziativa della raccolta delle firme per l’indizione di referendum abrogativi di alcuni articoli delle norme riguardanti le trivellazioni a mare. Tali richieste di referendum (facenti parte di un pacchetto più ampio e conosciuti come “referendum possibili”) risulterebbe l’unica arma rimasta a disposizione perché le norme in materia possano essere modificate

La Sezione Sud Salento, soprattutto sulla questione trivellazioni, si è attivata da tempo con varie iniziative che si sono svolte nel periodo estivo soprattutto in alcune realtà del Capo di Leuca e che hanno visto la partecipazione di diversi Sindaci, di alcuni consiglieri regionali, di alcuni parlamentari, di rappresentanti delle associazioni e della chiesa locale, nonché di migliaia di cittadini e turisti sotto lo slogan “Laudato SI, Trivelle NO”.

Pertanto ritenendo l’iniziativa referendaria “utile alla causa”, si fa appello a tutti i cittadini a recarsi presso le Segreterie o gli Uffici elettorali dei propri comuni di residenza per sottoscrivere le due richieste referendarie che specificatamente riguardano: 1) le norme autorizzative per le attività di ricerca, sviluppo e coltivazione degli idrocarburi; 2) la definizione di carattere strategico, urgenti e indifferibili che consentono le attività di ricerca e coltivazione degli idrocarburi.

Ulteriori notizie sui quesiti referendari si possono reperire sul sito “referendum possibile”. I referendum possono essere sottoscritti entro il 23 settembre secondo le procedure stabilite prendendo opportunamente contatti con il Comitato organizzatore.

A sostegno di questa battaglia di civiltà importante risulterà la partecipazione al presidio che ci sarà il 18 settembre a Bari ove si incontreranno i Presidenti delle Regioni meridionali per discutere proprio del problema delle trivellazioni.

Sulle iniziative che vari Sindaci hanno programmato in questi giorni Italia Nostra intende affiancarli e sollecita gli altri Sindaci di tutta la provincia di Lecce ad attivarsi, anche nella raccolta delle firme, perché questa battaglia di civiltà a tutela del mare e delle nostre coste e per salvaguardare le economie turistiche del territorio possa risultare vincente.

Per contatti con la Sezione si può scrivere una mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonare al 360 322769.

Parabita, 12 settembre 2015

Marcello Seclì,

Presidente 

ITALIA NOSTRA - SEZIONE SUD SALENTO

capitanerialegambientelogo mediamorfosiunpli