Articoli

NUOVE TRIVELLE ANCHE NEL "NOSTRO" ADRIATICO

Lo sfruttamento di petrolio in mare Adriatico ormai va avanti da decenni e le richieste di sfruttamento di nuovi giacimenti sono tutt’oggi all’ordine del giorno nel bureau del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, pronti per ricevere il nulla osta.

Sono decine le piattaforme petrolifere al largo soprattutto di Emilia, Romagna, Marche e Abruzzo, nonostante siano aree dove l’affluenza balneare e la pesca svolgono un’attività intensa. Un altro progetto per la perforazione di quattro nuovi pozzi di Edison, a Rospo Mare di fronte a Vasto (Chieti), ha già ricevuto la VIA, l’autorizzazione di Valutazione d’Impatto Ambientale – sempre Edison ha ricevuto la VIA anche per il progetto Vega B nel canale di Sicilia al largo di Pozzallo (Ragusa).

Ultima richiesta in ordine di tempo sul tavolo di Galletti, è l’area occupata da Ombrina Mare al largo della Costa dei Trabocchi, davanti all’Abruzzo. La società petrolifera Rockhopper ha già ottenuto la VIA, a condizione, però, che siano adottate misure per marginare le conseguenze dell’attività delle trivelle. La stessa condizione vale per quei progetti, in Adriatico, che hanno ottenuto l’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), per garantire un basso impatto ecologico. La Giunta della Regione Marche ha espresso parere negativo perché lo studio non considera i possibili impatti sulla flora e sulla fauna marina e non prevede adeguate misure di contrasto.

Di recente, anche la Croazia ha deciso di sfruttare i propri giacimenti di fronte al nostro Paese e il governo di Zagabria, dal canto suo, ha avviato il processo di Valutazione Ambientale Strategica (VAS); ma per lo studio di impatto ambientale è stato comunque chiesto il parere sia dei cittadini croati, sia degli italiani.

Una manifestazione di protesta è stata programmata dai Comitati NIMBY (acronimo inglese per Not In My Back Yard – non nel mio orto) abruzzesi contro il via libera a Ombrina, Rospo e altre ricerche.

 

Bari, 5 maggio 2015

 

Ambient&Ambienti

                                                                                               

capitanerialegambientelogo mediamorfosiunpli