Articoli

TAP A MELENDUGNO: IL GOVERNATORE VENDOLA ATTIVA GLI UFFICI LEGALI DELLA REGIONE PUGLIA

Il consiglio dei ministri ha dato il via libera all'approdo a Melendugno della Tap-Trans Adriatic Pipeline, il gasdotto  che trasporterà in Italia il gas dell'Azerbaijan mediante il Trans Anatolian Pipeline e poi attraverso la Grecia, l'Albania e ovviamente la condotta sottomarina adriatica.

Per il governo, l'opera riveste un'importanza strategica per la sicurezza energetica nazionale, ma il governatore della Regione Puglia Nichi Vendola manifesta dissenso su tutta la linea e contestualmente all'informazione ricevuta a Palazzo Chigi, rende noto d'avere dato madato agli uffici legali regionali di trovare il modo per reagire, coerentemente con il diniego che la Regione Puglia aveva espresso e ribadito.

"Siamo fortemente contrari e siamo contrariati da una scelta del governo che appare subalterna agli interessi di Tap e non agli interessi del territorio pugliese", ha commentato il governatore. Poi ha aggiunto: "La Puglia non meritava questo schiaffo, perché la Puglia contribuisce in maniera significativa al bilancio energetico dell'Italia. Noi consumiamo molta meno energia di quanta no ne produciamo. Abbiamo accettato di essere protagonisti della sfida importante dell'energia rinnovabile con l'implementazione del fotovoltairo, dell'eolico, delle biomasse.

Lo Sblocca Italia contiene elementi di autoritarismo che rendono le Regioni e i territori soltanto intelocutori da consultare. Non abbiamo alcun potere effettivo, siamo diventati una buca delle lettere e il potere d'intesa è stato sostanzialemnte stracciato

Resta poer noi uno sfregio all'immagine di uno dei segmnti più incantevolie e incantati del Mediterraneo, la costa di Melendugno, che per ragioni scientifiche, per ragioni ambientali e per ragioni democratiche non meritava di essere sottoposta ad un comando autoritario che impone che lì la grande opera venga costruita e trovi il suo approdo".

Bari, 30 aprile 2015

Presse Regione Puglia

 

                                                                                                                         

capitanerialegambientelogo mediamorfosiunpli