Articoli

LECCE: SEQUESTRO DI PRODOTTI ITTICI IN UN RISTORANTE CINESE

Questa mattina, Militari della Guardia Costiera di Gallipoli hanno proceduto a controllare alcuni esercizi commerciali presenti nel capoluogo leccese.

All’interno di un ristorante cinese, i Militari del nucleo di polizia marittima hanno rinvenuto circa dieci chilogrammi di mitili sprovvisti del relativo bollo sanitario e circa settantacinque chilogrammi di prodotto ittico di varia natura senza alcuna rintracciabilità.

Al trasgressore, titolare dell’esercizio commerciale, sono state elevate due sanzioni pecuniarie per un importo totale di tremilacinquecento euro, sottoponendo il prodotto ittico a sequestro amministrativo.

Per tutti i molluschi bivalvi, infatti, la normativa vigente stabilisce l’obbligo in capo all’esercente di conservare fino all’esaurimento della merce il relativo bollo sanitario, al fine di scongiurare l’ipotesi che venga immesso sul mercato prodotto ittico non sottoposto al previsto trattamento di stabulazione e, pertanto, a potenziale rischio sanitario. Ogni partita di prodotto ittico deve, invece, essere sempre rintracciabile.

Nel ribadire che i prodotti ittici commercializzati privi di etichettatura e/o bollo sanitario non tutelano il consumatore e più in generale la salute pubblica, la Capitaneria di Porto sensibilizza i consumatori a diffidare dei prodotti ittici non contraddistinti da apposite etichette riportanti le informazioni relative alla provenienza, alla denominazione, al metodo di produzione e di cattura.

Gallipoli, 23 aprile 2015

                                                                                                Capitaneria di porto - Guardia costiera

                                                                                                                        Gallipoli

capitanerialegambientelogo mediamorfosiunpli