Articoli

AMBIENTE: PREMIATO PER L'INNOVAZIONE STUDENTE DEL "QUINTO ENNIO" DI GALLIPOLI

Alvaro Maggio, allievo dello Scintifico del "Quinto Ennio" di Gallipoli diretto dal professore Antonio Errico, ha vinto il primo premio alla selezione italiana del Concorso europeo "I giovani e le scienze", promosso dalla Commssione europea, con il suo progetto "Metals-catcher" sviluppato nell'ambito del corso di scienze della professoressa Rossana Congedo- Di seguito si riporta la sintesi del progetto.

Alcuni metalli pesanti, che dovrebbero essere presenti in traccia in natura, hanno ormai raggiunto soglie critiche di tossicità per flora, fauna e l’uomo stesso. Emessi da varie sorgenti diffuse e puntiformi finiscono nel suolo e nelle falde acquifere e, senza accorgercene, li ritroviamo sulle nostre tavole ben mimetizzati nei cibi di cui ci nutriamo. Entrati così nella catena alimentare si accumulano in tessuti ed organi provocando gravissime patologie. I dispositivi Metals-Catchers realizzati, tubi filtranti e cialde, si propongono proprio quale soluzione efficace ed economica al problema della potabilizzazione delle acque contaminate.

Dopo aver studiato la composizione chimica e la tipizzazione delle pectine di varie bucce (frutta e ortaggi), Alvaro Maggio pensa di potere sfruttare i gruppi carichi negativamente per “sequestrare” i cationi metallici presenti nell’acqua. Realizza così particolari dispositivi che, grazie a polveri di precisa granulometria, si dimostrano in grado di:

a) ripulire l’acqua destinata sia all’irrigazione sia all’uso domestico, evitando così il bioaccumulo;

b) consentire la trasformazione dello scarto alimentare in una vera e propria risorsa e il suo riutilizzo, circa 9 volte, senza che perda efficacia;

c) evitare il pretrattamento chimico dei metodi tradizionali eliminando così l’impatto ambientale aggiuntivo;

d) essere adoperati su larga scala e a basso costo.

È allo studio eventuale processo di desorbimento che permetta di recuperare i metalli dalle bucce ormai esauste, così da permettere il loro smaltimento direttamente in discarica.

Gallipoli, 14 aprile 2015

Cinzia Boschiero

capitanerialegambientelogo mediamorfosiunpli