Articoli

ATTIVITA’ PER GARANTIRE LA TUTELA DEL CONSUMATORE

Continuano ad ampio raggio, le attività ispettive dei militari del Compartimento Marittimo di Gallipoli. Stamattina dai controlli lungo la filiera della pesca, sono emersi due illeciti, uno a danno della tutela del consumatore, l’altro in violazione delle norme sulla pesca ricreativa.

All’interno di una pescheria sita nel comprensorio del mercato coperto della cittadina di Casarano, sono stati rinvenuti circa 9 chilogrammi di prodotto ittico vario in pessimo stato di conservazione, che sarebbe stato destinato alla vendita. Dopo aver interessato sia il personale della locale ASL che l’Autorità Giudiziaria, si è proceduto a sequestrare il prodotto ittico in parola ed a denunciare il titolare dell’esercizio commerciale per la violazione delle norme che disciplinano la corretta conservazione degli alimenti destinati al consumo umano.

Sempre nella stessa mattinata, il personale dell’Ufficio Locale Marittimo di Torre Cesarea ha comminato una sanzione amministrativa dell’ammontare di quattromila euro ad un pescatore sportivo che deteneva oltre 500 esemplari di riccio di mare, quantitativo dieci volte superiore al limite consentito per questa tipologia di pesca, comportamento che contribuisce a depauperare irrimediabilmente l’ecosistema marino.

È sempre alta l’attenzione degli uomini delle Capitanerie di porto sulle condotte che minano la tutela del patrimonio ittico e, soprattutto, la sicurezza alimentare.

Ciononostante, il Comandante della Capitaneria di Porto di Gallipoli sensibilizza tutti gli operatori del settore ittico a porre attenzione sul rispetto delle norme che disciplinano l’attività di interesse nonché di quelle concepite a favore della tutela della sicurezza alimentare.

Gallipoli, 18/03/2014

capitanerialegambientelogo mediamorfosiunpli