Articoli

BALNEARI: CONFRONTO CON LA CAPITANERIA DI PORTO

Questa mattina il presidente di Federbalneari Salento Mauro Della Valle ha incontrato il comandante della Capitaneria di Porto di Gallipoli Attilio Maria Daconto (alle 10, presso la sede della Guardia Costiera di Gallipoli) e il comandante della Capitaneria di Porto di Otranto Gian Marco Miriello (alle 12, presso la sede di fronte al porto di Otranto). Un doppio confronto sulle ordinanze di sicurezza balneare che saranno emanate all'inizio della stagione estiva e che si baseranno in gran parte sulle precedenti ordinanze, in particolare la n.14/2013 "Disciplina della navigazione nell'ambito del compartimento marittimo di Gallipoli e disciplina della sicurezza balneare nel circondario marittimo di Gallipoli". La Capitaneria di Porto di Gallipoli, da cui dipendono gli uffici marittimi e le delegazioni della provincia, annuncia un aumento dei controlli sulla sicurezza, a partire dall'assistenza ai bagnanti.

«Siamo al fianco della Guardia Costiera - commenta Della Valle - poiché interessati a garantire ai nostri clienti una vacanza serena e tranquilla, in uno stabilimento che rispetti tutte le norme e le ordinanze e che, proprio in virtù di questo, possa concentrarsi sul miglioramento dei servizi. Ho desiderato incontrare le capitanerie di porto della costa adriatica e ionica - continua il presidente di Federbalneari - per discutere delle ordinanze sulla sicurezza balneare, in modo tale che gli uffici conoscano i problemi riscontrati dalla categoria e, allo stesso tempo, gli imprenditori possano evitare di farsi cogliere impreparati nel rispetto di regolamenti e norme. Un problema che, nelle scorse stagioni, è costato molto in termini economici tra sanzioni, chiusure e sequestri. Ostacoli che si sommano ad altri gravi fenomeni, come quello dell'erosione che ha consumato ampie fasce di costa sabbiosa lungo l'Adriatico e che, nei tratti di costa alta, ha portato all'emissione di ordinanze d'emergenza come quella che ha coinvolto la costa di Melendugno».

Mancano poche settimane all'inizio della stagione: 24 maggio è la data entro la quale i lidi dovranno aprire al pubblico. «Mi auguro di poter contare su un accresciuto senso di responsabilità da parte dei titolari di tutti gli stabilimenti balneari, - ha spiegato il comandante Daconto -  in considerazione di tutto ciò che in questi ultimi giorni si è detto sugli stabilimenti del Salento, e su una maggiore attenzione sulla tutela e la sicurezza dei bagnanti». Per questo motivo la Capitaneria avvierà controlli a partire dalla fine di maggio, lungo tutta la costa. Tolleranza zero, però, nei casi accertati di mancata vigilanza. Circa il 90% delle sanzioni elevate lo scorso anno agli stabilimenti salentini, infatti, ha riguardato la mancanza - cioè un'assenza prolungata accertata dagli uomini della Guardia Costiera - del bagnino sulla torretta e, quindi, il mancato rispetto del regolamento sull'assistenza ai bagnanti.

Gallipoli, 9 maggio 2014

 

capitanerialegambientelogo mediamorfosiunpli