Articoli

CONTROLLI SULLA FILIERA DELLA PESCA

Nel corso di una verifica ispettiva sulla filiera della pesca finalizzata alla tutela del consumatore, condotta nell’odierna mattinata da militari specializzati del Nucleo ispettivo della Guardia costiera di Gallipoli, con il supporto di personale dell’Azienda Sanitaria Locale di Nardò, è stata accertata la presenza, in località Sant’Isidoro di uno stabulario non “riconosciuto” poiché carente della prescritta autorizzazione sanitaria, ai sensi della vigente normativa comunitaria posta a tutela dei consumatori, che deteneva molluschi bivalvi destinati alla commercializzazione. I militari intervenuti presso l’impianto non autorizzato hanno proceduto, congiuntamente al personale dell’ASL di Nardò, al sequestro dell’intero prodotto ittico presente nell’esercizio commerciale per un totale di 154 kg di molluschi bivalvi tra cui mitili, vongole, ostriche, e fasolari ed hanno comminato una sanzione amministrativa dell’ammontare di 10.000 euro, provvedendo, altresì, a diffidare il titolare a dotarsi delle previste attrezzature per ottenere la prescritta autorizzazione sanitaria. Sempre nell’odierna mattinata nell’ambito delle attività di controllo in mare è stato fermato un pescatore sportivo e sanzionato per aver pescato un tonno rosso di circa 40 kg. In un periodo in cui la pesca sportiva e ricreativa della specie è vietata. Al pescatore sportivo è stato sequestrato l’esemplare di tonno rosso, che previo accertamento dell’idoneità al consumo umano è stato devoluto ad un istituto di beneficienza del Comune di Sannicola e comminata una sanzione amministrativa di 4.000 euro. Le attività di controllo continueranno a garanzia del consumatore affinché possa acquistare prodotti sicuri e tracciati ed a tutela dell’ecosistema marino e delle risorse ittiche.

Gallipoli, 07.05.2014

capitanerialegambientelogo mediamorfosiunpli